I libri che non potete non aver letto sulla storia di Faenza

"Ricordo una vecchia città, rossa di mura e turrita" - Dino Campana, Canti Orfici.
Home
 Libri



Hit Parade dei libri storici





Di fondamentale importanza per la storia di Faenza sono: le Cronache di Tolosano, Cantinelli e Azzurrini e gli Statuti quattrocenteschi di Faenza che costituiscono il tomo XXVIII (parti I, II, III, e V) dell'edizione novecentesca dei Rerum Italicarum Scriptores, consultabili presso la Biblioteca Manfrediana di Faenza.



Il più gettonato dagli storici:
Messeri Antonio - Calzi Achille., Faenza nella storia e nell'arte, Tipografia Sociale Faentina, Faenza 1909.


     AA.VV., Parliamo della nostra città, Grafica Artigiana, 1977.  
     AA.VV., Politica e società a Faenza tra '800 e '900, Galeati 1977.
     AA.VV., Faenza nell'età dei Manfredi, Faenza Editrice, Faenza 1990.
     AA.VV., Faenza: la città e l'architettura, Edit Faenza 1993.
     AA.VV., Faenza nel Novecento, 3 volumi, Edit Faenza, 2003.
     Archi Antonio - Piccinini Maria Teresa, Faenza come era, Fratelli Lega Editori Faenza,1973.
     Bassi Sandro - Fabio Liverani, Faenza 14 itinerari per scoprire la città e il suo territorio, Tipografia Faentina Editrice, 2013.
     Bertoni Franco - Vitali Marcella, L'età neoclassica a Faenza: dalla rivoluzione giacobina al periodo napoleonico,Silvana Editrice 2013.
     Carrari Vincenzo, Istoria di Romagna, 2 volumi, Libreria Antiquaria Tonini Ravenna, 2007.
     Dal Pozzo Ugo, Storia di Faenza, Editrice Galeati, Imola 1960.
     Fototeca Manfrediana, Faenza 100 anni, Faenza 1979.
     Fototeca Manfrediana, Faenza 1944 - 45, Faenza 1986.  
     Fototeca Manfrediana, Faenza 1860 - 1943, Faenza 1993.
     Golfieri Ennio, L'arte a Faenza dal neoclassicismo ai nostri giorni, 2 volumi, Faenza 1975/1977.
     Golfieri Ennio, Faventia - Faenza: origini e sviluppi edili della città, Faenza 1977.
     Gualdrini Giorgio, Appunti per una urbanistica raccontata ai ragazzi, Faenza Editrice 1990.
     Maggi Vittorio - Nonni Ennio, Faenza 100 anni di edilizia,  2 volumi, Tipografia Faentina Faenza 2006 - 2011.
     Marchetti Antonio, Cronotassi dei parroci della città e borghi di Faenza, L. Cappelli Editore, Bologna 1927.
     Medri Antonio, Un panorama di Faenza del '700, Società Tipografica Faentina, 1928.
     Messeri Antonio - Calzi Achille., Faenza nella storia e nell'arte, Tipografia Sociale Faentina, Faenza 1909.
     Montanari Antonio, Guida storica di Faenza, Faenza 1882, Rist. anastatica Bologna, Atesa, 1978.
     Morri Antonio, Vocabolario Romagnolo - Italiano, Faenza 1840 / '41.
     Righi Bartolomeo, Annali della città di Faenza, Montanari e Marabini Faenza, 1840.
     Savelli Lorenzo, Collana Faenza le case nel tempo (I Rioni), 5 volumi, Lions Club Faenza Host, date varie.
     Saviotti Stefano, Le mura di Faenza, Stefano Casanova Editore Faenza, 2001.
     Tonduzzi Giulio Cesare, Historia di Faenza, Rist. fotomeccanica,  Forni Editore Bologna 1967.
     Zama Pietro, I Manfredi, Fratelli Lega Editori Faenza, 1954.
     Zama Pietro, Addio, vecchia Faenza !, Fratelli Lega Editori, Faenza 1972.
     Zecchini Antonio, Il Cenacolo Marabini (l' Ottocento Faentino), Stab. Grafico F. Lega, Faenza 1952.







 
Il più venduto:
Giuliano Bettoli - Enzo Casadio - Miro Gamberini - Stefano Saviotti -Massimo Valli,
Il Borgo Durbecco di Faenza
Tipografia Faentina Editrice, 2016.




"Ciò che è detto se ne vola via, ciò che è scritto rimane", Terenzio.
Presentiamo un libro: Faenza coloniale - La città, Franceco Carchidio l'Africa, di Mattia Randi

Il Museo del Risorgimento e dell'Eà contemporanea inaugura la nuova sala dedicata a Francesco Carchidio Malavolti: medaglia d’oro al valore militate, Capitano nello Squadrone cavalleria coloniale "Penne di Falco", morto a Cassala (Sudan) il 17 luglio 1894. La sua fama è legata a due eventi.
 Anzitutto fu il primo   italiano   che   riconobbe   come   proprio il figlio illegittimo che aveva avuto da una donna eritrea durante il servizio militate, facendo di lui un cittadino italiano. Questi era Michele   Carchidio Malavolti, il primo italo-eritreo, nato nel 1891, nominato   erede per  testamento   nel 1893, futuro tenente colonnello del Regio Esercito Italiano.
Della sua crescita ed educazione, essendo morto nel frattempo il padre, si prese cura la zia paterna, la contessa Pazienza Laderchi Pasolini dall'Onda. In secondo luogo divenne noto e parte della cultura popolare italiana della prima metà del XX secolo per essere morto valorosamente nella presa della città Sudanese di Cassala, avvenuta con successo il 17 luglio 1894, grazie alla sconfitta dei dervisci del Mahdi, che qui si erano precedentemente opposti agli attacchi britannici.
Con la sala dedicata alle Guerre coloniali, l'ultima riferita all'Ottocento, si giunge a completamento del percorso espositivo riferito al "periodo risorgimentale" che termina, convenzionalmente, con la Grande Guerra del 1915—18.
II Museo ha lo scopo di valorizzare e promuovere lo studio e la conoscenza delle sue collezioni e del patrimonio storico culturale della città di Faenza e della Romagna dalla fine del Settecento alla proclamazione della Repubblica; non poteva quindi essere a lungo rinviata l'esposizione al pubblico della collezione di reperti riferiti alle Guerre coloniali italiane: 1882—1936. L'esposizione, in questa prima fase, è limitata solo ad alcuni reperti di fine Ottocento, in attesa del completamento dei lavori di allestimento della sala.
Naturalmente si è consapevoli che parlare oggi di Colonialismo è argomento complesso: esso fu un fenomeno storico che va comunque studiato come qualunque altro, verificando se e in quale misura esso rispondesse a una dinamica "naturale" delle società occidentali che lo realizzarono, ovviamente senza mai perdere di vista i costi umani che esso impose, con speciale riguardo alle popolazioni indigene che vi furono coinvolte. Si può quindi dissertare di imperialismo e di capitalismo, di cause ed effetti, di strutture e di evoluzioni, ma questo esulerebbe dai compiti del Museo a cui compete ricordare gli Uomini, le loro motivazioni; l'accento lo vogliamo porre più sugli individui che sui gruppi, ricordando le parole del grande storico Marc Bloch: "Compito del mestiere di Storico è evitare i grandi concetti astratti e cercare la realtà concreta che si cela dietro di essi: l'Uomo." (Aldo Ghetti)


La Torre di Ceparano, di Maurizio Melandri 


La torre di Ceparano è più di un luogo fisico; e per gli abitanti della valle del Torrente Marzeno anche uno spazio in qualche modo spirituale, sicuramente simbolico.
Essendo elevato e ricco di storia fa parte dell'identità del luogo e di rimando è parte dell'identità degli abitanti della valle. Per la sua posizione di rilievo era un punto di osservazione ottimale. Costruendovi una torre, questa assolveva alla funzione di avvistamento e di guardia, oltre a divenire spazio di aggregazione e centro spirituale per la presenza della pieve che assolveva anche funzioni amministrative.
Era già esistente prima dell'anno mille come luogo fortificato e pieve, e sicuramente è stato uno dei cardini delle vicende della storia della vallata e delle signorie che si sono succedute per molto tempo. Nel medioevo si sono gettate le basi di istituzioni come i Comuni, unità amministrative e militari che nel caso di Brisighella, legano la storia dei territori amministrati a luoghi fortificati come Ceparano, uno dei capisaldi della difesa territoriale, oltre che centro spirituale della comunità.
La Torre è stata descritta da vari autori, in genere canonici o studiosi di storie patrie e disegnata e raffigurata da più artisti, alcuni poi di particolare talento come lo scenografo Romolo Liverani o il pittore Giordano Severi.
La descrizione che segue cerca di raccogliere il materiale sulla torre frammentato in molte pubblicazioni, in una monografia, sicuramente non esaustiva, ma comunque punto di partenza per ricerche successive. Il testo più approfondito che ho potuto consultare è quello scritto da L. Bentini, S. Piastra, M. Sami sullo "Spungone" tra Marzeno e Samoggia. Il mio contributo è stato riprendere e approfondire studi, rileggendo i testi citati in note e bibliografie, trovando spunti originali interessanti. Sicuramente il mio auspicio è che questo monumento torni ad essere simbolo di orgoglio, di appartenenza e d'identità storica.


Fanino Fanini, di Emanuele Casalino

Che l'Italia del Cinquecento abbia ospitato (abitualmente nelle sue carceri o nei suoi cimiteri) un buon numero di italiani diventati protestanti (o "luterani", come allora si diceva) è ormai cosa nota quasi a tutti. Ma dato che quello è il secolo del Rinascimento, si tende  a mettere in rilievo soprattutto alcuni (anzi molti) grandi intellettuali che, malvisti e minacciati in patria, hanno saputo contribuire creativamente alla formazione dell'Europa moderna.
Unica eccezione: le comunità valdesi di Calabria, Puglia e Campania, massacrate o "convertite" per volontà del future "san Pio V": un valoroso manipolo di storici meridionali sta ricostruendo la loro storia dal Duecento in poi. A loro vada il nostro cordiale ringraziamento.
A dire il vero, c'e anche un'altra eccezione: i valdesi del Piemonte (o per essere più esatti delle valli pinerolesi) hanno fatto presto la loro "scelta calvinista" (Sinodo di Chanforan, 1532), ma quando Emanuele Filiberto Duca di Savoia, ha cercato di imporre loro armata manu la teologia e la disciplina della Controriforma, hanno risposto anche loro combattendo e, forzando il Duca (con 1'aiuto di un cattolico ecumenico) a una soluzione di compromesso: il cosiddetto "Trattato di Cavour". I valdesi erano ormai un "popolo-chiesa" e, come tali, poterono sopravvivere a un paio di massacri di massa (1655 e 1686) e più tardi affrontare le due maggiori "crisi creative" della storia d'Italia (il Risorgimento e la Resistenza); ma non erano (e non sono) un movimento.
Invece fin dal Cinquecento in Italia esisteva un movimento evangelico, ispirato al grande insegnamento della Riforma protestante, sia luterana che calvinista: questo movimento aveva un carattere marcatamente popolare.
È grande merito di Emanuele Casalino (che non a caso è pastore battista a Ferrara) avere messo in rilievo il carattere popolare del protestantesimo italiano del Cinquecento.
Ciò non gli impedisce di dipingere a tinte forti la realtà della Controriforma come si presentava nello Stato della Chiesa, da Roma fino a Ferrara e Faenza.
Il fornaio Fanino Fanini, come molti altri popolani del suo tempo, è morto martire della fede cristiana evangelica e questo bel libro ci aiuta a non dimenticarlo.

Giorgio Bouchard


Santa Maria Vecchia in Faenza, di Mattia Randi


Accogliere una pubblicazione sulla storia e l'arte della chiesa di S. Maria Vecchia in Faenza è un'iniziativa lodevole che mantiene vivo il legame con l'edificio che ci fa sentire comunità parrocchiale e ci aiuta ad apprezzare le ricchezze artistiche che i nostri padri ci hanno tramandato. Ringrazia per questo Mattia Randi che ha cercato, con pazienza certosina, dati e notizie che ci aiutano a conoscere e a conservare viva memoria della storia degli edifici che sono un po' la casa comune della nostra Parrocchia.
L'occasione e data dal restauro della cappella di San Bernardo di Chiaravalle, ad opera del Lioness Club di Faenza. Valerio Contoli ha consolidato il colore e l'oro dell’ intera ancona lignea e, con straordinaria sensibilità, ha ridato vita all'affresco trecentesco con una Madonna allattante in essa inserito.
Mantenere i luoghi di culto nel loro splendore è segno di cura e cultura di cui vogliamo essere orgogliosi perché sono testimonianza della nostra civiltà oltre che della nostra Fede.

Faenza, 16 ottobre 2017.

Mons. Roberto Brunato Amm.re Parrocchiale di S. Pier Damiano


  Faenza sotterranea, di Stefano Saviotti
Alla scoperta delle «viscere» della città
di Sandro Bassi

Pur senza la fascinosa complessità dei centri urbani più celebri (Napoli, Siena, Orvieto o, per rimanere vicini, Bologna o Santarcangelo), anche Faenza possiede ambienti sotterranei di tutto rispetto. Si tratta di cantine che non sempre coincidono con le proprietà soprastanti di condotte idriche antiche, di ghiacciaie, cripte, pozzi e qualche altro ipogeo arcane più o meno dimenticato. Per render l'idea della suggestione che il mondo infero, anche urbano, ha esercitato sulla fantasia popolare basterebbe citare la leggenda degli improbabili cunicoli che mettevano in comunicazione i conventi maschili con quelli femminili, pieni, manco a dirlo, di feti abortiti, di passaggi segreti per monache di Monza o Cassandre Pavoni assetate di sesso (mentre invece è noto come anche la nostra Cassandra non avesse alcun bisogno di cunicoli, potendo ricevere tranquillamente il suo Galeotto che entrava dalla porta principale). Lo stesso compianto Giuliano Bettoli, che una volta buttò giù un ironico articolo su frati e suore intenti a balletti rosa sotterranei, fu preso sul serio e investito da commenti tipo «io lo sapevo!» e «me l'hanno sempre detto!».
A spazzare il campo da leggende e fole, trattenendo invece tutto ciò che è scientificamente provato provvede oggi Stefano Saviotti con questo Faenza sotterranea (114 pagg., Tip. Valgimigli, 12 euro), freschissimo di stampa. Redatto dopo anni di studi, sopralluoghi e confronti e coordinato editorialmente da Renzo Bertaccini, il volume prende le mosse dalla Faventia romana, di cui restano diverse vestigia sotterranee documentate ma non visitabili (uniche eccezioni il resto del probabile Foro scoperto nel 1970 sotto l'albergo Corona, oggi magazzini Ovs, e il basolato in trachite nel locale-caldaia della Banca del Monte); recuperati e trasportati altrove sono poi alcuni lacerti di mosaici del IV-V secolo, di cui uno, quello di via Barilotti, recentemente collocate nell'atrio di Palazzo Mazzolani. Si passa poi alle cantine, argomento complesso perché riguarda almeno sei secoli di edilizia, dal Medioevo in poi, e foriero di leggende. In estrema sintesi basti citare alcuni casi visitabili e documentati da Saviotti: le cantine del Rione Rosso, della Sghisa, dell'Osteria del Mercato, e, mirabili per le volte a vela ribassate, fatte con la stessa tecnica dei forni, della biblioteca Zucchini, ex convento dei Celestini (XIV sec.).

Un breve capitolo sui fondaci della piazza, magazzini ipogei di varie epoche, e si passa alle gallerie «tra leggenda e realtà», coi citati casi «a luci rosse» e altri più seri, di comunicazione sottostradale e anche di ambienti non contigui (in Corso Garibaldi, via Contradino, Diavoletto, Borsieri, Santa Maria dell'Angelo, Ca' Pirota, Tomba e nelle piazze Lanzoni e Molinella). Infine, gli acquedotti: quello del Fonte Pubblico, di cui oggi resta il magnifico vano sotto la Fontana Monumentale, e il Canal Grande di origini antichissime (1184-1194), coperto e dimenticato nel '900 (ultimi interventi nella via omonima e in via Firenze fra 1952 e 1977). Saviotti non si ferma qui. Prende in esame anche fognature e chiaviconi, i resti della Rocca sotto l'Ospedale, i sotterranei delle mura, le ghiacciaie (ancora in piedi sono quella di parco Tassinari e, raffinatissima, la Rossi; meno conosciute quelle di palazzo Cantoni e del torrione di Montecarlo), chiese soppresse e cimiteri, l'oratorio dei Battuti Bianchi (sotto il Duomo) e le straordinarie cripte di Sant'Ippolito e Pieve Corleto. Nel panorama faentino un libro del genere mancava ed è proprio il caso di dire che ci voleva.



Palazzo Ferniani, di Sandro Bassi - Carlo Conti - Giulia Zoli  


Palazzo Ferniani rappresenta, nel suo insieme architettonico e decorative degli interni, una testirnonianza notevole di una stagione —  quella barocca — che vede la quasi totale trasformazione della città di Faenza nei suoi edifici religiosi e civili.
II vasto complesso sei-settecentesco della nobile famiglia dei Ferniani, trapiantatasi dalla terra del Frignano, è l'espressione del prestigio acquisito in città dal XVII secolo, anche per il contributo che l'illustre famiglia ha dato alla plurisecolare storia della ceramica faentina.
I Ferniani hanno sempre guardato oltre i limiti territoriali locali e ciò lo si attesta dalle scelte artistiche, soprattutto in direzione bolognese; lo stesso disegno dell'ala settecentesca della loro dimora — quella più imponente — si deve ad un prestigioso architetto, Alfonso Torreggiani, che rappresentava in Bologna uno dei protagonisti del rinnovamento architettonico della città, ma bolognesi sono anche gli scultori che eseguono la bellissima statua dell'Immacolata nella smussatura angolare esterna e parimenti di cultura prospettica bolognese sono le quadrature pittoriche del salone delle feste.

La presente guida di Sandro Bassi, Carlo Conti e Giulia Zoli, dal taglio molto agile, permette di compiere un percorso completo dell'edificio nei suoi aspetti esterni e nelle sale e negli ambienti interni, anche i meno accessibili, ed offre, attraverso una pregevole campionatura fotografica, la piena fruibilità di questa storica residenza patrizia.

Pietro Lenzini



Faenza nella Grande Guerra, di Enzo Casadio


l primo libro dedicato a Faenza durante la Grande Guerra: racconta le vicende della città e della popolazione in quei difficili anni, quando al dramma dei giovani costretti ad andare al fronte si aggiunse quello delle famiglie, in particolare le meno abbienti, quotidianamente alle prese con la difficile situazione economica. In città erano stati costituiti numerosi comitati sia per sostenere la popolazione civile, sia i soldati al fronte; funzionarono anche alcuni ospedali militari nei quali furono ricoverati oltre 20.000 soldati. A guerra finita furono intraprese varie iniziative per ricordare i caduti e gli eventi legati alla guerra: alcune lapidi, il Viale delle Rimembranze, la Chiesa dei Caduti e la Colonia di Castel Raniero.
In appendice sono riportate 771 schede di faentini caduti in combattimento, dispersi o morti per malattia, l’elenco dei decorati al Valore Militare e dei militari non faentini deceduti negli ospedali della città.
L’apparato iconografico è costituito da oltre 150 tra fotografie e documenti in gran parte inediti.











Il più antico viale di Faenza, di Giuseppe Dalmonte



     Stando alle cronache del tempo, lo Stradone non è nato da un piano urbanistico preventivamente delineato o da un progetto ben definito, ma è sorto dall’urgenza di far fronte alla grave miseria che imperversava in quegli anni a Faenza, in una difficile fase di transizione politica. Infatti, l’ingegnere distrettuale Guido Corelli, in un rapporto riservato del marzo 1816 al Podestà Nicola Pasolini, racconta che il 5 marzo furono intrapresi i lavori ‹‹della nuova Strada così detta Erbosa››, per ‹‹isfamare la popolazione›› e aggiunge che era impossibile contenere ‹‹il numero dei braccianti che spinti dalla fame, e dalle assicurazioni di alcuni Deputati, accorrono di buon mattino al lavoro, e minacciano seriamente quelli che pretendono di escluderli››.
Da una parte l’amministrazione cittadina aveva cercato di mitigare il grave malessere sociale distribuendo agli indigenti migliaia di minestre gratuite o a prezzi modici, dall’altra la nuova strada extra urbana deliberata dal Consiglio Faentino il 26 febbraio 1816, che collegava Porta Montanara al Foro Boario nei pressi di Porta Imolese, offriva un’occasione di lavoro a parecchie centinaia di operai giornalieri in attesa della buona stagione per portare a casa qualche mezzo di sussistenza.


Due faentini nel "servizio segreto" del Re Sole, di Miro Gamberini

     Francesco Serantini, nel 1931 nella rivista La Piê, presentando il libro “Azzurini” di Dionigi Zauli-Naldi, scriveva: “La vita di codesto personaggio [Andrea Azzurini] fu varia per molte vicende. L’editore sopra la fascietta che stringe il volume gli attribuisce pensieri di Casanova e di Cagliostro, forse con la recondita intenzione di paragonarlo a codesti avventurieri di stile. Evidentemente esagerava: Azzurini fu un uomo del suo tempo; voglio dire che, come lui allora ce n’erano molti”.
La vita di Andrea Azzurini è una sfida continua all’avventura e al lusso sfrenato nel frequentare gli ambienti nobili. Ė avido di gloria e di successo, vuole con ostinazione un incarico al servizio di qualche Cardinale con la funzione di diplomatico.
Nei “salotti” aristocratici, si esalta manifestando tutta la sua arroganza fino a commettere errori che  gli saranno fatali.
Fortunatamente tutto il carteggio degli Azzurini è giunto fino a noi; rinchiuso in quattro contenitori, è oggi conservato nella Biblioteca Comunale di Faenza, nelle carte dell’archivio Zauli-Naldi.
Il documento più antico è un istrumento su pergamena del 1141, importanti pure i testamenti di Giacomo Azzurini del 15 agosto 1510 e di Bartolomeo di Lancilotto del 21 luglio 1589. In due volumi manoscritti, identici nel testo, vi è raccontata la storia della famiglia con illustrazione di blasoni gentilizi e alberi genealogici del 1668. Seppure manchino importanti documenti come il passaporto reale rilasciato da Luigi XIV e il diploma di cavaliere dell’Ordine di San Lazzaro di Andrea Azzurini (ma vi sono copie degli stessi),  il resto dell’epistolario dal 1600 fino al 1730 è perfettamente conservato e consultabile.
Questo carteggio racconta la vita di Andrea, ne svela i lati più segreti di millantatore, mentitore, falsario, truffatore e spia. Personaggio dal fascino malizioso, conduce una vita egocentrica, le donne che conosce e ama sono solo affari di ordinaria amministrazione, atte a soddisfare il suo scopo, quello di rivestire un ruolo importante alla corte del Re Luigi XIV.
Dopo tre secoli di oblio, il primo protagonista che incontriamo nelle velate carte dell’archivio Zauli-Naldi è Antonio Azzurini, padre di Andrea, personaggio forte, tenace e risoluto nelle sue decisioni, comandante della Rocca di Faenza per 45 anni,  ma anche affettuoso e protettivo con il figlio.
É un eccellente e raffinato diplomatico  tanto da essere inviato come ambasciatore, con incarichi speciali, nei vari Stati Europei a trattare importanti questioni.
Ecco la storia come ci è stata tramandata dalla documentazione che andiamo a leggere.



I misteri di Faenza, di Rosarita Berardi

 Faventia, per gli antichi, oggi Faenza, la città sul Lamone, le cui origini si perdono nella mitologia, ha una storia lunga millenni. Nei suoi pressi si sono combattute battaglie delle guerre civili della tarda Repubblica romana, della guerra greco-gotica. Ha subito l'assedio di Federico II di Svevia e i saccheggi dei bolognesi e dei bretoni e ha scritto - resistendo per mesi alle forze del Borgia - una delle pagine più gloriose dell'intera storia di Romagna. È stata, sotto i Manfredi, una delle capitali dell'Umanesimo romagnolo. Ha visto camminare per le sue strade il grande Leonardo da Vinci ed è, da sempre, famosa in tutto il mondo per le sue magnifiche ceramiche. Tutto questo e tanto altro è noto. Questo libro, attraverso un mosaico di 15 tessere, intende ricostruire la storia di Faenza da una prospettiva diversa: vicende meno conosciute, misteriose, oscure, inquietanti e truci, ma anche divertenti e intriganti. Rosarita Berardi, con lo stile che la contraddistingue, ci offre un percorso curioso e suggestivo alla scoperta del lato oscuro della città manfrediana.

Rosarita Berardi; (Bologna, 1952), da quasi quarant'anni vive a Faenza. Operatrice culturale particolarmente sensibile alla promozione della lettura tiene incontri e conferenze e organizza dibattiti di approfondimento sui rapporti fra generi letterari e psicologia. Organizza, inoltre, laboratori di scrittura creativa. Collabora con riviste letterarie e testate locali ed è membro di giuria per concorsi letterari e poetici.

Poetessa e scrittrice, tra i suoi ultimi libri ricordiamo: C'erano due bimbe in cucina  (Mandragora, Imola), e, per i tipi del «Il Ponte Vecchio», Draghi e petunie e Stagioni (quest'ultimo con Massimo Buldrini), Il colore delle donne, Via del canto e dei rosai, La favola delle parole, Colori sommersi (con Daniela Perozzi e Cristina Ghetti) e l'audiolibro La cantastorie di Mondo disco.

 

In copertina,
Diamante Torelli difende le mura di Faenza...
G. Mattioli, Pinacoteca Comunale Faenza.



Granarolo Faentino - Fronte del Senio, di Remo Vassura



Questa pubblicazione si inserisce nel contesto delle manifestazioni
per il 70° Anniversario della Liberazione avvenuta, a Granarolo Faentino, il 4 gennaio 1945. La Comunità democratica di questo nostro paese, nelle sue più vive espressioni associative, culturali,    religiose, politiche, ricreative e sportive, ha inteso ricordare e celebrare l’Anniversario della sua Liberazione dall'invasore tedesco e nazista, oltre che dalla ventennale sciagurata dittatura fascista.
Quel tremendo e spaventoso periodo storico che portò grandi lutti, immani sofferenze e  distruzioni alle popolazioni che furono partecipi di quegli avvenimenti, culminato il 9 aprile del 1945 con il definitive assalto alleato alla "Linea del Senio", viene qui ricordato e rappresentato con questa pubblicazione che riguarda per l’appunto la sua "Battaglia del Senio". Queste pagine intendono rendere giustizia ai caduti alleati che a migliaia caddero nei nostri territori romagnoli e, in parte, sepolti nei cimiteri militari di Villanova di Bagnacavallo, Piangipane e Faenza.
I cittadini granarolesi, la popolazione romagnola e il popolo italiano nella sua interezza, rendono onore a quegli uomini e soldati straordinari, neozelandesi, canadesi, inglesi,   indiani, polacchi, scozzesi, irlandesi, maori, ecc. che, sbarcati in Italia dai paesi più lontani,  con  immenso sacrificio e abnegazione, si batterono fino alla morte per la nostra libertà. Assieme a questi valorosi ricordiamo i soldati del rinnovato esercito italiano e i patrioti romagnoli della 28a brigata partigiana di Bulow.
Nei confronti di questi straordinari ragazzi e uomini, infinita ed eterna riconoscenza.

Remo Vassura


Il Cinquecento, a cura di Anna Colombi Ferretti - Claudia Pedrini - Anna Tambini

La pubblicazione riempie un vuoto nella storiografia dedicata all'arte faentina: il secolo XVI fino ad ora non è stato tra i periodi più indagati dagli studiosi, che hanno invece privilegiato altri momenti come il periodo rinascimentale della Signoria Manfredi o l'età neoclassica e il periodo del primo Novecento. Non sono in realtà mancati studi specialistici su singoli artisti o singole opere; ma una profonda analisi sul percorso storico delle arti a Faenza nel primo '500 che svelasse la complessità del momento, il ruolo dei pittori faentini, delle influenze e delle presenze di apporti eterogenei, secondo un taglio scientifico sorretto da un importante intento divulgativo. Il volume, pubblicato da Edit Faenza, è attento in modo particolare all'attività di tredici pittori. Dei pittori che hanno operato a Faenza agli inizi del secolo ha scritto Anna Colombi Ferretti che ha esaminato in particolare Marco Palmezzano, Giovanni Battista Bertucci, Michele Bertucci, Lorenzo Costa e Francesco Zaganelli. 
Anna Tambini ha analizzato specificatamente altri quattro pittori attivi nella prima metà del Cinquecento: Carlo Mengari, Sebastiano Scaletti, Sigismondo Foschi e Antonio di Domenico detto Antonio da Faenza. Un capitolo è stato dedicato da Anna Colombi Ferretti a Girolamo da Treviso e Francesco Menzocchi, due pittori che hanno lavorato nella Commenda in Borgo e infine Claudia Pedrini ha scritto di Gaspari Sacchi e Innocenzo da Imola, due diversi pittori raffaelleschi per Faenza. Grazie all' autorevole e approfondito apporto delle autrici il volume è nel complesso riuscito molto ricco e articolato, con un completo apparato iconografico che per la prima volta mostra in modo esauriente gli esiti della pittura faentina del primo Cinquecento. Molto interessante a questo proposito è stata anche la ricostruzione della dispersione del patrimonio che ha consentito di recuperare e riunire, almeno in una documentazione cartacea, opere che sono state prodotte e conservate a Faenza per secoli e che ora sono disperse in varie nazioni europee come Austria, Germania, Ungheria, Francia, Irlanda e Inghilterra o anche in altri luoghi più lontani come Honolulu, Boston e Baltimora.
Il volume è realizzato dalla sezione di Faenza di Italia Nostra, con il sostegno della Fondazione del Monte e Cassa di Risparmio di Faenza e della Fondazione della Cassa di Risparmio di Ravenna.


La chiesa di S. Maria in Basiago, di Luisa Renzi Donati



Questo lavoro è nato dall'amore della Comunità di Basiago per la sua chiesa. È stato il desiderio di conoscerne la storia e le opere d'arte che essa conserva a spingere Tonino Panzavolta a contattarmi. Lo ringrazio per la fiducia che mi ha accordata, ed anche perchè mi ha permesso di venire a contatto con tante persone gentili e appassionate, come Milva, Debora, Alexia, Silvana, Alessandro, Giovanni, Massimo, sempre pronte a fornirmi l'aiuto che di volta in volta ho chiesto loro. Perché io Basiago la conoscevo poco più che per nome.

Spero di non averle deluse, ed anche che questa pubblicazione possa risultare gradita a tutti i parrocchiani.
Nell'esposizione ho cercato di essere semplice e piana, rimandando gli approfondimenti alle note, di facile consultazione perché poste a piè di pagina, e poiché si tratta di un opuscolo che ha scopo divulgativo, ho ritenuto di non "appesantirlo" con la bibliografia e l'indice del nomi in fondo.
Ho descritto anche "cose" ritenute tradizionalmente "minori" perché, con don Antonio Savioli, sono convinta "che esse siano importanti nel quadro di una presenza vivente del monumento in mezzo ad una comunità non tanto di esteti quanta di credenti".


Luisa Renzi Donati



Faenza l'Osservanza, di Sasco Zanzi






In questo volume Sasco Zanzi ci mostra la città dei morti così come l'hanno pensata e realizzata i vivi. Si tratta del cimitero dell'Osservanza di Faenza (attivo dal 1816), più volte ampliato e rimaneggiato, ora descritto fotograficamente nei suoi monumenti artistici e architettonici, colto nella sua gerarchia degli spazi, nella sua costruzione delle identità cittadine, nei suoi equilibri tra potere laico e potere religiose. Lapidi, tempietti, croci, pietre tombali, sentieri, arcate, piazzette, cortili, giardini, cipressi tutto torna a "ri-vivere" grazie al gusto artistico di Sasco, che non solo riesce a farci vedere le valenze simboliche e allegoriche, ma anche le tracce della secolarizzazione, assieme all'inquietudine che la morte produce da sempre su chi resta. Dunque, una brillante guida a questi monumenti, alcuni realizzati da noti artisti non solo locali.

Maurizio Tagliaferri


Galleria dei Cento Pacifici, di Marcella Vitali


Il restauro della Galleria dei Cento Pacifici come ambiente di prestigio nell'ambito degli spazi destinati a Ridotto del Teatro deve essere considerato esempio di recupero e valorizzazione di un patrimonio pubblico di grande valore ma allo stesso tempo un mezzo per avvicinare questo spazio privilegiato alla città, grazie al processo di partecipazione di diversi enti ed associazioni che hanno data il proprio contributo per il buon esito della iniziativa. L'importante presenza a Faenza di un patrimonio culturale ricchissimo e unico, intrecciato ad un tessuto urbano di pari valore, testimonia la nostra identità storica ricordando costantemente ad ognuno di noi di far parte di una storia collettiva. Questo il motivo che anima da oltre cinquant'anni le attività della Sezione di Faenza di Italia Nostra, consapevole dell'importanza della salvaguardia del patrimonio culturale del territorio e della sua stessa valorizzazione; e poiché il problema della tutela è indissolubilmente legato alla conoscenza, si ritiene che il momento del recupero di questi ambienti possa costituire una preziosa occasione per divulgare ad un più vasto ambito quanto gli studi e le scoperte ci hanno messo a disposizione. 

Una pubblicazione che intende essere strumento di conoscenza, funzionale alla consapevolezza della necessità di preservare e aver cura di un luogo unico che, stando alle intenzioni della committenza, avrebbe dovuto assumere il ruolo di Tempio della Pace, secondo un progetto che rifletteva l'idea di un vero e proprio programma civile.

II Consiglio Direttivo
Italia Nostra - Sezione di Faenza


Le mura di Faenza, di Stefano Saviotti




Questo volume rappresenta il primo studio specifico dedicato alle fortificazioni della città di Faenza: le mura altomedioevali, la Rocca, la cinta manfrediana dalla costruzione sino ad oggi. E inoltre approfondimenti sulle porte, sul Ponte delle Torri (ricostruito in dettaglio sulla base delle antiche perizie) e sui torresini più importanti.

La rigorosa narrazione delle vicende storiche si alterna con aneddoti, curiosità, personaggi ed usanze dei tempi passati; il tutto è ampiamente illustrato con disegni di Romolo Liverani, fotografie d’epoca della Fototeca Manfrediana e planimetrie dettagliate che permettono al lettore d’inquadrare con precisione le trasformazioni subite dalla cinta muraria nel corso del tempo.




La famiglia Caldesi in via Manfredi, di Vittorio Maggi




Il titolo di questo libretto “La famiglia Caldesi in via Manfredi” non è una scelta casuale ma una piccola forzatura determinata dalla incertezza nonché da pareri discordanti nati ultimamente attorno al nome che si sarebbe dovuto assegnare al palazzo in cui i Caldesi hanno abitato. Dalle prime notizie degli antichi storici sostenute fino ai giorni nostri che indicano il palazzo dei Manfredi, alla tradizione più popolare che lo indica come il Palazzo  dei Caldesi, alle ultime rivelazioni di Lucio Donati che assegna il fabbricato ai casati Bazzolini-Viarani, in questa assoluta incertezza ho preferito non dare un nome al palazzo, che sarebbe stato comunque irriverente nei confronti di una famiglia o dell’altra, indirizzando il racconto verso una breve storia della famiglia Caldesi che abitò in quel palazzo di via Manfredi.

   Le date e gli avvenimenti sono stati tratti in massima parte dalla consultazione di documenti e atti notarili conservati presso l’Archivio di Stato di Faenza; di Censimenti delle Anime presso  l’Archivio Vescovile e l’Archivio Parrocchiale di S.Agostino e sono riconducibili ai personaggi citati nel testo. Tuttavia durante la ricerca sono stato più volte obbligato a interpretare i documenti consultati concedendo spesso al racconto un po’ di fantasia e quelle considerazioni personali che ricavavo leggendo gli atti. La storia dei Caldesi, per quanto inserita nel contesto della storia del palazzo, si distingue nel testo dalla stampa in grassetto.   


2001 Romagna, numero centoquarantatre, dicembre 2014



La Rivista
è acquistabile nelle librerie

e nelle edicole di Faenza oppure contattando:
Tipografia Faentina - via Castellani, 25 - 48018 Faenza (RA)
Tel. 0546 21111
e mail: info@tipografiafaentina.com

Conto corrente postale 2409094
Da quattro anni ormai da rivista trimestrale 2001 Romagna è diventata un volume di tutto rispetto che esce a S. Pietro e a Natale. La trasformazione, però, non ne riguarda l'anima, fedele a personaggi, fatti, foto e racconti della nostra gente e della nostra terra. Continuano, e sono due anni, le collaborazioni con Brisighella e Castel Bolognese, oltre quella più annosa con Granarolo, che ci auguriamo vi risultino interessanti e gradite. Per le fotografie ricordiamo il prezioso contributo della Fototeca Manfrediana. L’inserto di 48 pagine di storia faentina dal titolo: "Canali, chiuse, mulini e lavatoi a Faenza e dintorni", contiene 11 capitoli tra i quali la Chiusa di Errano, la Cartiera, la Casetta alle Bocche dei Canali, e ben 47 immagini, tra foto, disegni e piante. Qui di seguito le firme e i titoli degli argomenti trattati in questo numero:

INDICE
Ugo Piazza: E pasa e front
G. Bettoli : Chiara Dal Borgo: da Faenza a ballare nel teatro di Lucerna
M. Gurioli: Mauro Platani e La Bānda de' Grel 
S. Cortesi: In ricordo di Giuseppe Tampieri grande artista faentino
V. Rava: Giuseppe Tampieri litografo
Fototeca Manfrediana: La piazza del Popolo di Faenza   
M. Pini: Casa Magnana
S. Bassi: I pini del faentino. Un patrimonio storico e paesaggistico da tutelare
E. Casadio, M. Valli: La sirena di allarme
V. Casadio Strozzi: Una classe di artisti
A. Cornacchia: I sogni piccoli
Suor Stefania Monti: Una domanda attuale
C. Missiroli: Paolē dla Roca l'ultimo castellano
V. Donati: Le antiche confraternite di Castel Bolognese
Gli amici della Commenda: Cinquecento anni fa Fra Sabba da Castiglione alla Commenda
R. Vassura: Lo zuccherificio di Granarolo Faentino
G. Bettoli: Questa faccia non e la faccia di Dino Campana! E la faccia di FilippoTramonti!!!
R. Bertani, S. Marchi, M. Montevecchi: Un patrimonio ancora in parte sconosciuto: la fototeca della nostra biblioteca
G. Bettoli: Quando a Faenza fecero il "Mangelli"
G.Bettoli, E. Casadio, M. Valli: 70 anni fa: dicembre '44 Faenza è libera
M. Gamberini: La battaglia di Santa Lucia 17giugno 1145
E. Foschi: Appesi al Ramo della Conoscenza: ma chi ha mangiato il frutto proibito dell'Albero dell'Eden...?
V. Castellari - A. Rabiti: Le ricette della Cencia

M. Gamberini - S. Saviotti: Canali, chiuse, mulini e lavatoi a Faenza e dintorni (inserto)        


Il Liceo dipartimentale napoleonico e le altre scuole del distretto di Faenza, di Giuseppe Dalmonte


   Nel periodo napoleonico, l'istruzione pubblica fu un tema non secondario della riorganizzazione amministrativa e statuale basata sul modello francese. Solo apparentemente effimera, l'esperienza ha costituito la base del sistema scolastico italiano a partire dall'Unità. A Faenza, che vive in quegli anni uno straordinario fermento culturale, fra archi di trionfo per Napoleone e leggiadre dimore neoclassiche, questa continuità è anche fisica: II Liceo Classico Torricelli ancora oggi ha sede nello stesso edificio dove vide la luce il Liceo dipartimentale, e ne è quindi erede diretto.
Grazie a una ricca documentazione d'archivio, Dalmonte fa della Città delle Maioliche un case study, ricostruendo i primi passi della moderna istruzione pubblica aperta a tutti, che rivoluziona un'offerta formativa fino a quel momento ancorata ai modelli della Scuola comunale e del Seminario diocesano. Fra le novità, maggiore attenzione alle discipline scientifiche, libri di testo più moderni e aggiornati, adozione del sistema metrico decimale, mentre lo studio della lingua francese modernizza l'approccio alle discipline umanistiche. Nuove disposizioni per gli insegnanti censurano l'uso delle percosse nella correzione degli allievi e il ricorso al dialetto nelle aule scolastiche. Funzione dei licei dipartimentali era la formazione del candidati alle Università, concentrate nelle sedi di Bologna, Pavia e Padova. Nell'arco di pochi lustri si delineò un modello di istruzione pubblica controllata dallo Stato e ordinata gerarchicamente, dalle scuole primarie all'Università, destinata a rimanere un riferimento per il futuro, aldilà delle contingenze che ne decretarono la precoce chiusura.


Guardando dal campanile di S. Maria Foris Portam in Faenza, di Giuliano Vitali






Ho visto la chiesa di S. Maria foris portam per la prima volta in occasione di una cerimonia, il battesimo di mio nipote Edoardo. Avendo la curiosità di sapere la storia di questo luogo sacro, ho sollecitato Giuliano Vitali a riunire tutte le notizie che si potevano trovare su questo luogo in un libro, che avesse un carattere divulgativo. L'opera racconta ciò che accadde attorno alla chiesa che fu la prima cattedrale in Faenza.

Conoscere la storia dei luoghi in cui viviamo, ci arricchisce e stimola la ricerca della nostra radice culturale.
Mi auguro che la lettura di questa singolare storia di un luogo della nostra città, possa favorire la ricerca dell'evoluzione faentina nei secoli passati.

Patrizia Domenicali




Il principe e il suo sicario, di Gigi Monello



Roma, Settembre 1499, Rodrigo Borgia, in arte Papa Alessandro VI, volendo metter fine al secolare disordine del suo stato, dichiara decaduti tutti i vicari di Romagna; di nome feudatari, di fatto piccoli re. Con l’apparenza della ragion di stato, ma in realtà per libidine di grandezza, dato a suo figlio Cesare il comando delle milizie, lo incarica di recuperare le antiche dipendenze, concedendogli di farne un dominio tutto suo. Uno dopo l’altro, i signori romagnoli ora scappano, ora son travolti, ora patteggiano la deposizione. La sola Faenza si prepara ad opporsi e a difendere strenuamente il governo dei Manfredi. Attaccata nel Novembre 1500, la città resiste sino all’Aprile successivo, quando, ormai sul punto di essere presa con la forza, onde evitare le brutture del sacco, capitola ad onorevoli condizioni. Andato a visitare il vincitore, forse circuito dalla sua affabilità, il giovanissimo Astorre accetta di restare con lui. Compiendo l’atto che lo perderà per sempre. Per un anno prigioniero in Castel Sant’Angelo, una notte il disgraziato scompare. Il 4 giugno 1502 il Tevere ne restituisce il cadavere. Non ha ancora compiuto diciott’anni.

 
Gigi Monello (Cagliari, 1953) insegna filosofia e storia in un liceo Cagliaritano. Tra i suoi scritti, “Le conchiglie a Monte Mario” (Firenze, 1995), “Accadde a Famagosta, l’assedio turco ad una fortezza veneziana” (Cagliari, 2006), “L luce nel fosso, tre racconti su Leopardi e Napoli” (Cagliari, 2007), “Ombre e Viaggi” (Cagliari, 1999), “Voci e Viaggi” (Cagliari, 2003), “Sonni & Viaggi” (Cagliari, 2011).


L'antica strada da Faenza a Firenze, di Lucio Donati


II presente saggio dimostra come i toponimi migliari attestati lungo la strada tra "Faventia" e "Florentia", della quale si ha testimonianza diretta solo nell'Itinerarium Antonini di inizio III secolo, non possono riferirsi al miglio romano (metri 1478 circa), ma ad un quasi sconosciuto "miglio romagnolo" (metri 1700 circa).
Negli ultimi decenni lo studio per l'individuazione della rete stradale del passato ha fatto registrare un più accurato utilizzo delle discipline e dei dati utili allo scopo, per cui si è riconosciuto un maggior numero di percorsi e si è visto come l'importanza di alcuni di questi sia mutata nei vari periodi storici e come taluni tratti possano essere addirittura scomparsi; si tenga comunque presente, ad esempio, che l'elemento probante per il riconoscimento della cosiddetta "Flaminia minor", almeno nel versante bolognese, è il dato archivistico, essendo stata denominata "Flamenga" (o varianti) al pari della "Flaminia maior” in territorio marchigiano e umbro: dare eccessiva importanza alla presenza di pievi, monasteri ed ospitali di epoca medievale puo essere fuorviante

L'età Neoclassica a Faenza, a cura di Franco Bertoni e Marcella Vitali


   

Il volume documenta l’eccezionale momento culturale e artistico che segnò in maniera indelebile la città di Faenza tra il 1780 e il 1820, ovvero il periodo di affermazione di una cultura neoclassica tesa a ribadire il primato dell’antico. Poche città ebbero la fortuna di assistere a una vicenda tanto intensa e ricca: l’eccezionale fioritura di edifici, dipinti, sculture, decorazioni e arredi – in un fervore che coinvolge artisti e botteghe artigiane di alta specializzazione – fu espressione della volontà di un rinnovamento in senso moderno oltreché di ambizioni di prestigio e legittime aspirazioni a un ruolo da protagonista.
Dopo il grande successo, non solo locale, delle architetture realizzate da Giuseppe Pistocchi con l’aiuto dello scultore Antonio Trentanove, le grandi famiglie gareggiarono nella sistemazione delle proprie dimore. Si imposero così Giovanni Antonio Antolini e Pietro Tomba in architettura, la bottega dei Ballanti Graziani in scultura, e Felice Giani in pittura. La singolare, perfetta integrazione tra le arti costituisce l’essenza più profonda di questo periodo, contrassegnato da eleganza, equilibrio, misura e buon gusto.

Testi: Andrea Emiliani, Franco Bertoni, Marcella Vitali




Faenza 14 itinerari per scoprire la città e il suo territorio, di Sandro Bassi

Copertina del libro


Dettaglio dell'organo della chiesa del Suffragio, immagine tratta dal libro.
La Faenza che non t'aspetti.
La Faenza che continuamente si rinnova e si propone con un volto sempre nuovo agli sguardi di chi I'incontra, di chi la visita, di chi la vive e la vuol vivere. Per la prima e per la millesima volta.
La «Città delle ceramiche» nota in tutto il mondo emerge cosi dalle parole di Sandro Bassi e dalle immagini di Fabio Liverani in questo libro che non è soltanto una guida sentimentale di un paesaggio umano ed ambientale affascinante e originale, ma una storia attraverso quattordici itinerari tra i luoghi cittadini e del territorio di Faenza - le strade, le piazze, le chiese, i musei, i parchi, le pievi, le pietre... -, che ne evidenziano identità, peculiarità, originalità - ad esempio, il Palio del Niballo - e curiosità, insieme alle caratteristiche «classiche». E, di conseguenza, fanno emergere il vissuto e I'appartenenza della comunità, di uomini che agiscono nella storia, antica e contemporanea, così come intervengono sul turismo, comunicando la domanda di senso, la rinnovata bellezza, la presenza del meno conosciuto, del «minore», dell'ignoto, del Mistero... Una Faenza di oggi con le sue tracce di ieri, ma anche con i suoi segnali di domani, per dare forza e libertà al presente, per mantenerne viva la memoria, per invitare a stare, a ritornare, comunque ad andare per scoprire in un cammino che si ripete e cambia nello stesso tempo, che matura, così come accade alle persone attente a ciò che fanno, al tessuto urbano che le circonda, alle circostanze che succedono e vanno affrontate.
Davvero un percorso nuovo e originale, esaltato dalle immagini, che si rivolge a tanti. A coloro che non hanno mai visitato Faenza e i suoi luoghi più noti - dal Duomo alla Fontana Monumentale, dalla Biblioteca Comunale alla Torre dell'Orologio... -, oppure a coloro che amano la cultura urbanistica e sociale delle chiese - le strutture portanti, i campanili, cosi come i dipinti, le sculture, gli altri elementi dell'iconografia cristiana che ne permea pietre e colonne..., o, ancora, a chi ama la cultura delle memorie - le opere d'arte e i cimeli storici esposti in altrettanti palazzi storici, musei essi stessi: dal Museo Nazionale Neoclassico alla Pinacoteca, dal Museo Internazionale delle Ceramiche e dal «Zauli» al «Diocesano», ma senza dimenticare il «Bendandi» e quello di «Scienze naturali».
Ci sono altresi percorsi che meritano un capitolo a se, come quello relativo al Teatro «Masini», o all'«Osservanza», al «Borgo», ma sono i percorsi «fuori porta», quelli «fuori» dalle mete tradizionali dei turisti o dei visitatori classici, che quando si imbattono in queste «occasioni» non possono che dare corpo allo stupore, alla meraviglia, al "che cosa mi sono perso finora", alle risposte a domande lasciate come in sospeso: "Una città cosi verde come Faenza, vuoi che non abbia alberi secolari? Vuoi che non abbia alberi mediterranei?" Certo che li ha, in città e fuori, come testimoniano, ad esempio, I'ltinerario 7 e I'ltinerario 10. "E le chiese? Ci sono soltanto quelle grandi della tradizione, o sono presenti anche quelle delle piccole comunità?" Ci sono anche le «pietre vive» delle campagne, dei secoli antichi, come le pievi, come la
«capanna di Sarna», la chiesa duecentesca di Marzeno, (Itinerari 8 e 11) i «ruderi» di Ceparano, la «chiesa dei Lebbrosi», la «tomba di San Barnaba», la cripta romanica di Pieve Corleto (Itinerari 12, 13 e 14) e perfino la quattrocentesca torre di Oriolo dei Fichi (Itinerario 9), che a guardarla da un lato sembra quadrata, da un altro pentagonale, mentre è esagonale, un esagono «inusuale» assolutamente da visitare... Buona lettura e... arrivederci a Faenza!

Giovanni Malpezzi
 Sindaco di Faenza

Massimo Isola
 Vice Sindaco e Assessore alla Cultura


Italiani bocciati in geografia (e in cultura generale)
di Giuliano Vigini

Chissà se gli italiani intervistati anni fa, alla domanda "Che cos'è il
Decamerone?" (1.Un libro di novelle 2.Un appartamento di 10 stanze 3.Un vino rosso 4.Un tipo di autobus), oggi risponderebbero ancora per il 36% "Un vino rosso" e per il 29% "Un appartamento di 10 stanze". O alla domanda: "Chi ha scritto Il nome della rosa?" (1.Ernest Hemingway 2.Sean Connery 3.Aldo Busi 4.Umberto Eco), metterebbero ancora al primo posto Sean Connery (47%) e soltanto al terzo posto Eco (18%). Si spera di no, ma non si sa mai, perché, anche se l'istituzione si è alzata, il livello di cultura generale resta basso. E' sufficente che uno segua il programma televisivo l'eredità, dove, ad esempio, le domande di geografia dell'Italia rivelano la non conoscenza che i concorrenti hanno del loro Paese. In queste condizioni, voi capite che la lettura di libri è già un miracolo.


Da: Il Corriere della Sera, domenica 18 maggio 2014.

"Il mio unico dovere nei confronti della storia è di riscriverla", Oscar Wilde.



Entra nel sito della Biblioteca Comunale

Home
 Libri