Societā e poteri in Romagna, principalmente a Faenza alla fine del Duecento

"Ricordo una vecchia cittā, rossa di mura e turrita" - Dino Campana, Canti Orfici.
Home
Storia Medioevale


SOCIETĀ E POTERI IN ROMAGNA, PRINCIPALMENTE
A FAENZA ALLA FINE DEL DUECENTO


Charles Marie de la Roncičre

Universitā di Aix en Provence

Durante il Convegno internazionale di studi svoltosi nella Sala consiliare del Municipio di Faenza nella primavera del 1995 sui Santi locali Umiltā e Nevolone, vissuti nel secolo XIII, il prof. Charles Marie de la Roncičre dell’Universitā di Aix en Provence, ha tenuto una conferenza sulle “Societā e poteri in Romagna, principalmente a Faenza, alla fine del duecento”. Relazione che documenta la situazione storica della vallata del Lamone, che con le sue torri e castelli ha costituito una realtā urbana dalla quale č sorta la Faenza del XIII secolo,
studio che qui pubblichiamo.






 

Stemma araldico
di Maghinardo Pagani
da Susinana.
Stemma araldico
dei Manfredi.




Tebaldello de’ Zambrasi apre le porte di Faenza ai Geremei di Bologna.

















La Rocca di Faenza.





Mercato cittadino nel 1200.
Contadini al lavoro nei campi.








Antico convento dell'Osservanza, demolito nel 1829 in un disegno di D.G. Contarelli del 1897.
Convento dei Cappuccini in un disegno di Romolo Liverani.






Roma. Musei Vaticani. Galleria delle Carte Geografiche. E. Danti, "Flaminia",
 particolare. Tratto della via Emilia tra Forlė e Faenza.






Frate Alberico.
Federico II.



Assalto al castello.






Da un codice miniato del XIII sec. Assalto alle mura di una cittā.
Miniatura del 1250 raffigurante cavalieri in battaglia.






Articoli correlati:


Le mura Altomedioevali e la Faenza del XIII secolo
L'eccidio della Castellina
La battaglia di Burfagliaco
1103 anno del primo storico assedio a Faenza
e la battaglie con i Conti di Cunio
Notizie su quattro Santi venerati a Faenza
San Nevolone
Tebaldello de' Zambrasi e il sacco di Faenza del 24 agosto 1281
Rubaconte da Mandello
Notizie storiche faentine dall'anno 82 al 1499
Il Conte di Vitry e la Battaglia al "Campo di Contra"...
La Torre di Oriolo dei Fichi
La Rocca di Faenza
La Rocca di Monte Poggiolo bella e inespugnabile
Da Bagnara aBrisighella, i castelli pių belli
Ceparano: mito, storia realtā
Alle origini di un castello Manfrediano: le strutture
difensive trecentesche di Solarolo







Il libro dal quale č stato tratto l'articolo qui illustrato
L'articolo in formato Pdf senza illustrazioni.












Home
Storia Medioevale